CREA

Libera la tua fantasia, inventa il seguito della storia partendo dall’ultima frase e condividilo nello spazio sottostante.
Continua tu il racconto dall’ultimo commento che vedi!

Se non vuoi inserire la tua e-mail personale, compila il form utilizzando: lacasarossacrea@gmail.com

Teatro vuoto, il muro è Bianco, le telecamere tutte di fronte ad un palco.

Gli autori si riuniscono in cerchio. “Abbiamo 30 giorni per organizzare tutto” Mauro capo autore di canale 1 ha una missione: hanno cancellato d’improvviso il programma di punta di canale 1, ha 30 Giorni per scriverne e montarne uno completamente nuovo, mai visto prima. Se non ci riesce l’amministratore delegato del canale farà fuori Mauro e la sua squadra.

Chi sarà il conduttore? Come sarà il programma nuovo?
mark
3 mesi fa

un giovane stagista ha l’occasione che stava cercando, non sa se esporsi o meno ma prende tutto il suo coraggio e chiede la parola: “scusate… io avrei un’idea”.. tutti si zittiscono e il caos piomba nel silenzio. “E’ da un po che sto scrivendo un format, forse un pò azzardato ma potrebbe funzionare se posto con le giuste premesse”… Mauro è in bilico tra il fastidio e la curiosità, se ne esce con un “sentiamo”. Il giovane stagista pitcha la sua idea: ” poco tempo fa è venuta a mancare mia nonna, ha lasciato un video con tutte le cose che non è mai riuscita a dirci in vita, era una donna fredda, ma ci voleva molto bene”. Mauro è molto più che infastidito, non capisce dove voglia arrivare lo stagista, che continua il suo pitch: “così ho pensato.. se tutte le persone che sanno di dover lasciare a breve questa terra, insomma, le persone che hanno poco di vita, registrassero dei messaggi così da poter lasciare un ricordo ai suoi cari, magari con quello che non sono mai riusciti a dire, o facendo dei gesti per loro?” Mauro lo guarda, il suo sguardo non lascia trapelare emozioni di alcun genere.

Laura
3 mesi fa

Loretta, una donna di mezza età arrivata nel gruppo da poco più di un anno e segretamente appassionata di mercatini dell’usato, batte il suo bicchierino da caffè ormai vuoto sul bordo della sedia per richiamare l’attenzione. Non è una gran chiacchierona, motivo per cui tutti, Mauro compreso, la guardano incuriositi.

“Hai qualche idea, Lore’?” le chiede il capo.
La donna annuisce.
“Sì. Visto che in così poco tempo non possiamo inventarci nulla di troppo complicato, potremmo approfittare del mercato di antiquariato che verrà organizzato sul lungofiume nei prossimi giorni.”

Tutta la squadra è poco convinta e mugugna incerta.

“Al massimo andrebbe bene per un servizio, non possiamo farne un format…”
“Invece sì.” replica lei senza fare una piega. “Basterà scegliere pochi oggetti insoliti o molto preziosi con qualche leggenda curiosa alle spalle, che tanto con le antichità si sprecano, e seguire i loro acquirenti. Scoprendo cosa accadrà loro dopo l’acquisto e se la cosa sarà legata alle dicerie che quegli oggetti portano con sé…”
Mauro si trattiene appena dall’alzare gli occhi al cielo. “Ma se non accadesse niente? Cosa assasi probabile, aggiungerei… e non è nemmeno detto che i compratori siano disponibili a lasciarsi seguire da noi.”
Loretta fa un sorrisetto quasi inquietante. “Non c’è il rischio che ciò accada. Gli acquirenti di questi oggetti… saremo noi.”

Subscribe
Notificami
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti